Blog

Pompei e l’intrattenimento

Pompei ha restituito reperti che ci permettono di conoscere la vita quotidiana: attrezzi e botteghe ci raccontano dei mestieri, case e suppellettili ci descrivono la vita privata, mentre iscrizioni e templi ci parlano della vita pubblica. Ma come s’intrattenevano nel tempo libero? Come ci s’intratteneva 2000 anni fa? Tra gli edifici pubblici di Pompei ci

Pompei: come si viveva 2000 anni fa?

Quando si pensa a Pompei l’idea comune è che la vita di 2000 anni fa era molto diversa dalla nostra, ma dopo aver visitato gli scavi, invece si scopre che abbiamo tanto in comune. Ma cosa facevano in una giornata tipo i Pompeiani? Pompei all’alba Ci si svegliava di buon mattino, per sfruttare appieno la

Pompei: scopri le terme suburbane

La vita quotidiana nell’antica Pompei La fine straziante dell’antica città di Pompei ha permesso la conservazione di gran parte dell’abitato. Edifici interi, decorazioni e oggetti di varia natura ci consentono oggi di conoscere aspetti della vita quotidiana altrimenti sconosciuti. La magia degli scavi di Pompei è proprio questa: poco si lascia all’immaginazione. Le terme Uno

Pompei, le origini, gli abitanti e la fine.

L’antica città di Pompei è uno dei siti archeologici più famosi al mondo. Distrutta dall’eruzione del Vesuvio del 79 d.C. e riscoperta nel XVIII secolo ha da sempre suscitato grande interesse. Ma quando è stata fondata? Chi erano i pompeiani? Cosa è successo il giorno dell’eruzione? Origini di Pompei Le notizie sulle origini della città

Street art a Napoli, Vico Totò ai quartieri spagnoli

Una speciale dedica al principe della risata: Antonio de Curtis Fantastiche opere di street art hanno colorato ed abbellito un intera strada dei quartieri spagnoli. Vi raccontiamo il progetto che non ha avuto bisogno di istituzioni, accordi particolari o grossi finanziamenti, ma è bastata la volontà degli scugnizzi dei Quartieri Spagnoli, la collaborazione dei residenti

Street art a Napoli: tra bellezza e riscatto

La città partenopea ha sempre goduto di grande fermento artistico e così è anche oggi, epoca in cui l’arte non si fa solo nei musei e nelle gallerie. La street art a Napoli ha invaso le strade e le piazze della città ed in molti casi ha donato nuovo volto e nuova vita ad interi

La street art a Napoli e in periferia

Maggio dei Monumenti 2020 volge al termine e intendiamo chiudere il nostro evento virtuale con il personaggio con cui è iniziato: Jorit, l’artista scelto dall’assessorato alla cultura di Napoli per realizzare in estemporanea a Milano il volto di Giordano Bruno. Oggi vi parliamo della street art della Napoli di periferia secondo la visione del suo

Maggio dei Monumenti 2020: dalla visione contro le catastrofi a Jorit

In occasione della tradizionale iniziativa del Maggio dei Monumenti, le bellezze artistiche campane quest’anno sono in streaming e on demand. Un programma fitto di eventi, basato sul tema della visione contro le catastrofi e dedicato a Giordano Bruno. Una nuova veste per Maggio dei Monumenti 2020 La 26° edizione di Maggio dei Monumenti si farà.

Diario di una guida in quarantena

Giorno 45 Eccomi qui dopo quasi due mesi di quarantena a scrivere nuovamente su questo diario. Di sicuro la mia idea iniziale, quella di condividere aneddoti interessanti e avventure divertenti che possono capitare durante una giornata da “guida”, non prevedeva un racconto di come trascorro le giornate nei 70mq di casa mia. Ma come si

Fiabe napoletane: i racconti de «Lo cunto de li cunti» dai social al grande schermo

L’opera di Basile scelta per un progetto digitale, al fine di intrattenere curiosi e appassionati di fiabe e racconti napoletani durante la pandemia. Andiamo alla scoperta di un libro che, oggi come ieri, ispira e ha ispirato numerose opere letterarie e cinematografiche. Le fiabe de «Lo cunto de li cunti» raccontate nei giorni della pandemia